Un albero per ogni nato

pubblicato il

Condividi
  • 8
    Shares

“…La vostra traccia è segnata da azioni, dalle frasi che dite e dalle parole che scrivete. Le azioni sono pietre miliari stabilite in modo permanente; le frasi sono soltanto orme che il tempo può alterare o cancellare; le parole scritte sono tacche coscientemente lasciate sugli alberi.”

Con queste parole il Gruppo Scout CNGEI ha concluso la giornata “Un albero per ogni nato”, un’iniziativa tenutasi al Parco Diecimare insieme ad una rappresentanza del CAI e della Rete Cittadini Volontari – Progetto DieciMetri.

Sono stati piantati, simbolicamente, 50 alberelli per rappresentare i nati nell’anno trascorso.

Giornata ricca di scoperte, momenti di collaborazione e condivisione. Alla prossima avventura!

 


Corso Capi Pattuglia Regionale!

pubblicato il

Condividi
  • 21
    Shares

Dal 1 al 3 novembre anche i capi pattuglia e vice capi pattuglia di Cava si sono riuniti  a Santa Lucia di Serino (AV) insieme ai capipattuglia della Campania per vivere tre giorni di formazione per essere pronti, per il nuovo anno associativo, a ricoprire il loro ruolo!

Al campo gli esploratori hanno scoperto che per essere un buon capo pattuglia non basta solo la simpatia ma c’è bisogno anche di saper programmmare, gestire e pianificare la vita di pattuglia!


22 ottobre 2018: Apertura anno associativo!

pubblicato il

Condividi
  • 57
    Shares

Domenica 22 ottobre c’è stata l’apertura dell’anno associativo 2018/2019, anno ricco di avvenimenti dal momento che il gruppo festeggerà il decennale della nascita!

Fra momenti di unità, passaggi e la scoperta dei diversi staff è trascorsa una piacevole domenica in attesa delle prime riunioni di unità! Ci sarà avventura!


Vacanze di Branco a Fumetti!

pubblicato il

Condividi
  • 1
    Share

I lupetti del Branco Waingunga, a fine agosto, sono stati invitati, nella base scout del gruppo Salerno 1 da un eccentrico fumettista alla ricerca di un nuovo personaggio che ispirasse i suoi disegni, dove hanno vissuto insieme momenti di creatività e conoscenza e messo alla prova capacità manuali e fisiche.I lupi hanno giocato con Supereroi che di tanto in tanto venivano fuori dai fumetti, come Wonder Woman che li ha sfidati in un articolato percorso Hebert, rinfrescati da bombe d’acqua a sorpresa, o l’ incredibile Hulk , che col suo caratteraccio, ha fatto venir fuori le capacità di animazione e condivisione dei bambini. A sorpresa anche l’arrivo di Trotula (prima donna della Scuola Medica Salernitana) che li ha accompagnati alla scoperta della città di Salerno, fino a condurli ai Giardini della Minerva, dove i lupi curiosi e impazienti hanno partecipato al laboratorio “Una Giornata con le Piante”. Senza dimenticare l’ultima notte, quando la Base Scout ha risuonato delle risa dei bambini nel fuoco serale preparato dal Consiglio di Akela, deliziato dal gustoso dolce preparato dai cuccioli per tutto il branco…YEAH, WOW, COOL e che Vacanze di Branco!


Campo nazionale Branca E – Il ritorno

pubblicato il

Condividi
  • 21
    Shares

Abbiamo scelto di raccontare  il campo nazionale della branca Esploratori/esploratrici attraverso gli occhi di un’esploratrice e di una mamma… buona lettura…

“Un’occasione unica…

Dal 1 al 13 agosto ho vissuto un sogno a Vialfrè! Il Campo Nazionale 2018 è stato il più bel campo della mia vita, eravamo 4500 esploratori/esploratrici/guide italiani

ed internazionali, si perchè ogni sottocampo aveva un reparto straniero, ad esempio il nostro aveva un reparto israeliano. Stare li è stata un’emozione unica: costruire una zattera con la mia pattuglia, scoprire il villaggio delle associazioni, cimentarsi nelle Scoutiadi, fare nuove scoperte al Tecnincamp, poi l’hike di 12 km che ci ha portati in Valle d’Aosta a Pont-Saint-Martin e l’incontro con Don Ciotti…le parole non sono abbastanza per descriverli.La cosa che mi piaceva di più è che tutti sorridevano anche nei momenti di difficoltà, ho adorato ogni singolo giorno di quel campo.Il CN 2018 mi ha cambiato la vita in meglio e mi ha fatto vivere esperienze sempre diverse e bellissime, e conoscere tanti nuovi amici, insomma ogni secondo lì era magnifico. Pensate che la notte del 12 agosto ho visto la mia prima stella cadente ed ho espresso  il desiderio di rivivere ancora quei giorni. Lo rifarei di sicuro, di nuovo e soprattutto con tutta la voglia di avventura che c’è in me!”

                                                                                                                  Anna Chiara, esploratrice

“Tutto l’anno tra momenti carichi di entusiasmo, allegria, impegno ed un po’ di stanchezza…ma cosa sta succedendo?

“Mamma, ci stiamo preparando per il Campo Nazionale! Ad agosto andiamo a Vialfrè!”

Arriva poi la riunione per noi genitori, “sarà un evento straordinario, per 13 giorni, all’incirca 4000 ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia porteranno a Vialfrè le proprie esperienze, e giocando le renderanno ricchezza reciproca…” Tutto prende forma, anche le nostre  incertezze ed i nostri timori, fino al giorno della partenza…Tu genitore, da lontano immagini che tua figlia sia combattuta tra la nostalgia di casa e la curiosità di conoscere nuovi amici, tra le comodità quotidiane e la necessità di accendere un fuoco per poter cucinare…quante domande. Arrivano le risposte: la caporeparto invia delle foto dei ragazzi sul gruppo whatsapp!La risposta è in quei loro sorrisi stampati sul viso, quelle braccia che si abbracciano, quegli sguardi che s’incontrano mentre montano una tenda o quelle mani che si stringono durante un gioco;  attorno a loro cogli un’atmosfera magica: eccoli, stanno sperimentando le proprie capacità, la propria creatività, i propri limiti. Ed ancora li vedi cantare tutti assieme…sono migliaia, e se tu da casa ti emozioni sentendoli cantare,  quali saranno i loro sentimenti, nell’aver fatto una voce unica dei lori canti?Ora capisci di aver fatto la scelta giusta incoraggiandoli a partire, e ti sorprendi dei loro capi che avrebbero potuto trascorrere le loro vacanze al mare, ed invece sono stati lì a far vivere loro quest’avventura, questo sogno, con l’unico scopo di educarli!”

Manuela, mamma di un’esploratrice

 

 


Prevenzione incendi

pubblicato il

Condividi

Nonostante il periodo di campi estivi associativi il gruppo scout CNGEI ci è voluto essere per la pulizia e stagliatura di alcuni sentieri dei nostri monti finalizzati alla prevenzione degli incendi che l’anno scorso hanno decimato il nostro patrimonio naturalistico. Noi ci siamo e ci saremo sempre per “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato”!!!


Campo nazionale 2018!

pubblicato il

Condividi
  • 10
    Shares

Dal primo al tredici agosto 2018, più di quattromila scout si riuniranno a Vialfrè, in provincia di Torino, per il Campo Nazionale 2018 del Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani; un evento che consentirà ai tanti giovani che parteciperanno di trascorrere tredici giorni tra avventura, amicizia ed entusiasmo!

Il campo è rivolto a ragazzi tra i dodici e i sedici anni, accompagnati dai loro capi educatori.

Anche gli scout del Reparto Vient’i terr di Cava de’ Tirreni, della Sezione di Giffoni Valle Piana, parteciperanno a quest’importante evento.

Gli scout di Cava de’ Tirreni saranno quindi inseriti in uno dei tredici Sotto Campi allestiti, che ospiteranno ognuno circa trecento esploratori ed esploratrici provenienti da tutta Italia. Anche alcuni Reparti stranieri prenderanno parte al campo e a ciascuno di questi è stato affiancato un Reparto italiano, con cui condividerà ogni aspetto della vita al campo e le attività che verranno di volta in volta proposte. Il tema principale del campo sarà l’avventura, da vivere attraverso l’utilizzo degli strumenti e delle tecniche tipiche del metodo scout: aria aperta, servizio, espressione, fuochismo, nautica, orientamento, pionierismo e passeggiate nella natura…ma non solo! Ragazzi e ragazze potranno quindi avere significative esperienze di conoscenza delle altre realtà sociali, momenti di spiritualità, di apprendimento delle tecniche scout e condivisione di momenti di gioia ed entusiasmo!

Al campo farà visita anche Don Luigi Ciotti di Libera, per raccontare ai ragazzi come l’impegno personale di ciascuno di loro potrà contribuire a cambiare il mondo. Il CNGEI, la più antica associazione scout d’Italia, è da oltre cento anni impegnato, con i suoi valori, a costruire un mondo migliore attraverso l’educazione di coloro che un giorno lo abiteranno: giovani, futuri buoni cittadini del domani, in grado di compiere scelte autonome e responsabili, impegnati in prima persona per promuovere la solidarietà, i diritti universali, la pace e la tutela dell’ambiente.

Anche la Compagnia Don Chisciotte del Gruppo di Cava de’ Tirreni, dopo aver percorso i sentieri della via alpina, all’interno del Gran Paradiso,  arriverà a Vialfrè avendo scelto di prestare servizio, per la riuscita di questo grande evento della nostra associazione.


Ultima uscita CAI in erba

pubblicato il

Condividi

Nel pomeriggio di sabato 26 maggio si è svolta l’ultima delle passeggiate organizzate dall’alpinismo giovanile della sezione CAI di Cava de’ Tirreni a cui i lupetti del nostro branco hanno partecipato nell’ambito di un percorso finalizzato alla conoscenza del territorio.

Questa volta la nostra pista, partita da Iaconti, ci ha portati a scoprire l’antico borgo di Albori e di lì, attraverso un bosco bellissimo, ci ha condotti in località Acqua del Cesare.

Che dire? E’ stata una caccia bellissima in un paesaggio magico: tra cavalli, sorgenti zampillanti, presepi scavati nella roccia, vecchi casolari e cappelle diroccate,  mancavano solo le fate e i cavalieri di re Artù!

Stanchi, felici, ma soprattutto amici rientriamo in tana per l’estate, ma speriamo di ripartire presto, in autunno, con i fratellini del CAI per nuove, fantastiche cacce.


Giornata regionale di Branca E!

pubblicato il

Condividi
  • 11
    Shares

27 maggio 2018 – 8 reparti , 100 esploratori provenienti da tutta la Regione

e tanta voglia di mettersi in gioco e rendersi utili! La location della giornata è stato il Convento di Santa Maria dei Monti dove, tutti insieme, abbiamo lavorato per  lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato. Fra estirpare erbacce, sistemare la sentieristica e realizzare un orto la giornata è volata e, oltre alla stanchezza, ci ha lasciato la soddisfazione del lavoro ben fatto! Alla prossima avventura!


Campo primaverile 2018

pubblicato il

Condividi
  • 2
    Shares

Bisogna ritrovare Re Artù che è stato rapito! Questo lo scopo del campo primaverile vissuto insieme dal branco Waingunga e il Reparto Vien’t i terr dal 28 al 30 aprile 2018. Fra il centro storico di Eboli e il percorso naturalistico “dei mulini” i nostri ragazzi hanno superato tutte le prove per arrivare dove era stato nascosto il re ideatore della Tavola rotonda!
Non sono mancati momenti solenni come consegna di capacità e tracce, la recita di ben due promesse ma anche costruzioni, percorso Hebert e manualità ! Un campo ricco di avvenimenti!
Alla prossima avventura!