Branca E

Campo S.Giorgio 2022

pubblicato il

Finalmente dopo due anni di attività annullate, poi svolte ma soltanto on-line, e infine svolte in presenza ma con mille accorgimenti… Siamo riusciti a ritornare alla quasi-normalità con questo campo S. Giorgio 2022!

Tenutosi a Serino (AV) dal 23 al 25 aprile 2022, ha visto finalmente tutte e tre le unità giocare insieme come non si vedeva da tempo.

Questo campo è stato innanzitutto un ritorno alla socializzazione, sia tra ragazzi e ragazze della stessa fascia d’età, sia in maniera trasversale, con i lupetti che hanno giocato insieme ad esploratori e rover.

Inoltre il campo ha visto momenti importanti per le 3 unità…

Il Branco Waingunga, oltre a momenti di progressione personale dei lupetti, ha dopo tanti anni cambiato il proprio grido di presentazione: “Un fiume vitale, una caccia leale”

Per il Reparto Vient’i Terr, invece, il campo è servito principalmente a fare le prove generali in vista del campo estivo: montaggio delle cucine, delle tende e degli angoli di pattuglia:

La Compagnia Don Chisciotte ha alternato momenti di comunità a momenti di servizio, aiutando gli adulti a rendere il campo funzionante e divertente.

Durante la tre giorni si sono tenute attività di educazione alla pace e, concludendo il campo proprio il 25 aprile, non si poteva non parlare della Resistenza e dei suoi valori.

Il campo si è concluso con un pranzo offerto dai genitori, con i quali abbiamo potuto condividere la gioia dell’essere ritornati a vivere lo scautismo in presenza.

Alla prossima!

Promesse nella calza

pubblicato il

5-01-2019: Solo i più temerari, scampati all’influenza del periodo, hanno partecipato alla giornata dedicata alle promesse: promessa dei capi pattuglia, recitate a Valle San Liberatore, e promessa di un nuovo esploratore con vista sul Golfo di Salerno. Il clima frizzante non ha impedito al reparto di cimentarsi anche in una marcia all’azimut per trovare la calza della Befana!Alla prossima avventura!

Promesse sotto l’albero!

pubblicato il

Il 23 dicembre, in un clima pre-natalizio, il Reparto Vient’i terr ha vissuto la prima uscita! Per scenografia un manto di nebbia che ha reso le promesse recitate ancora più suggestive! Alla prossima avventura!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Campo invernale di gruppo 2018

pubblicato il

Dal 7 al 9 dicembre i nostri lupi, esploratori e rover sono stati protagonisti di uno straordinario campo invernale di gruppo! Si “parte” per il campo.. meta il convento dei Cappuccini di Cava de’ Tirreni; scelta voluta per far vivere ai ragazzi il territorio ed osservarlo da un’altra prospettiva! I  nostri ragazzi, a pochi chilometri da casa, non immaginavano certo di poter partecipare alla notte degli oscar, incontrare star di Hollywood e conoscere strani personaggi del cinema di ieri e di oggi. Hanno potuto persino incontrare Baden Powell, fondatore degli scout, che li ha stupiti con la sua storia di viaggi, coraggio e intraprendenza…Ed è solo l’inizio di un anno speciale: il decennale del gruppo! Ancora tanto ci aspetta…alla prossima avventura!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Un albero per ogni nato

pubblicato il

“…La vostra traccia è segnata da azioni, dalle frasi che dite e dalle parole che scrivete. Le azioni sono pietre miliari stabilite in modo permanente; le frasi sono soltanto orme che il tempo può alterare o cancellare; le parole scritte sono tacche coscientemente lasciate sugli alberi.”

Con queste parole il Gruppo Scout CNGEI ha concluso la giornata “Un albero per ogni nato”, un’iniziativa tenutasi al Parco Diecimare insieme ad una rappresentanza del CAI e della Rete Cittadini Volontari – Progetto DieciMetri.

Sono stati piantati, simbolicamente, 50 alberelli per rappresentare i nati nell’anno trascorso.

Giornata ricca di scoperte, momenti di collaborazione e condivisione. Alla prossima avventura!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Corso Capi Pattuglia Regionale!

pubblicato il

Dal 1 al 3 novembre anche i capi pattuglia e vice capi pattuglia di Cava si sono riuniti  a Santa Lucia di Serino (AV) insieme ai capipattuglia della Campania per vivere tre giorni di formazione per essere pronti, per il nuovo anno associativo, a ricoprire il loro ruolo!

Al campo gli esploratori hanno scoperto che per essere un buon capo pattuglia non basta solo la simpatia ma c’è bisogno anche di saper programmmare, gestire e pianificare la vita di pattuglia!

22 ottobre 2018: Apertura anno associativo!

pubblicato il

Domenica 22 ottobre c’è stata l’apertura dell’anno associativo 2018/2019, anno ricco di avvenimenti dal momento che il gruppo festeggerà il decennale della nascita!

Fra momenti di unità, passaggi e la scoperta dei diversi staff è trascorsa una piacevole domenica in attesa delle prime riunioni di unità! Ci sarà avventura!

Campo nazionale Branca E – Il ritorno

pubblicato il

Abbiamo scelto di raccontare  il campo nazionale della branca Esploratori/esploratrici attraverso gli occhi di un’esploratrice e di una mamma… buona lettura…

“Un’occasione unica…

Dal 1 al 13 agosto ho vissuto un sogno a Vialfrè! Il Campo Nazionale 2018 è stato il più bel campo della mia vita, eravamo 4500 esploratori/esploratrici/guide italiani

ed internazionali, si perchè ogni sottocampo aveva un reparto straniero, ad esempio il nostro aveva un reparto israeliano. Stare li è stata un’emozione unica: costruire una zattera con la mia pattuglia, scoprire il villaggio delle associazioni, cimentarsi nelle Scoutiadi, fare nuove scoperte al Tecnincamp, poi l’hike di 12 km che ci ha portati in Valle d’Aosta a Pont-Saint-Martin e l’incontro con Don Ciotti…le parole non sono abbastanza per descriverli.La cosa che mi piaceva di più è che tutti sorridevano anche nei momenti di difficoltà, ho adorato ogni singolo giorno di quel campo.Il CN 2018 mi ha cambiato la vita in meglio e mi ha fatto vivere esperienze sempre diverse e bellissime, e conoscere tanti nuovi amici, insomma ogni secondo lì era magnifico. Pensate che la notte del 12 agosto ho visto la mia prima stella cadente ed ho espresso  il desiderio di rivivere ancora quei giorni. Lo rifarei di sicuro, di nuovo e soprattutto con tutta la voglia di avventura che c’è in me!”

                                                                                                                  Anna Chiara, esploratrice

“Tutto l’anno tra momenti carichi di entusiasmo, allegria, impegno ed un po’ di stanchezza…ma cosa sta succedendo?

“Mamma, ci stiamo preparando per il Campo Nazionale! Ad agosto andiamo a Vialfrè!”

Arriva poi la riunione per noi genitori, “sarà un evento straordinario, per 13 giorni, all’incirca 4000 ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia porteranno a Vialfrè le proprie esperienze, e giocando le renderanno ricchezza reciproca…” Tutto prende forma, anche le nostre  incertezze ed i nostri timori, fino al giorno della partenza…Tu genitore, da lontano immagini che tua figlia sia combattuta tra la nostalgia di casa e la curiosità di conoscere nuovi amici, tra le comodità quotidiane e la necessità di accendere un fuoco per poter cucinare…quante domande. Arrivano le risposte: la caporeparto invia delle foto dei ragazzi sul gruppo whatsapp!La risposta è in quei loro sorrisi stampati sul viso, quelle braccia che si abbracciano, quegli sguardi che s’incontrano mentre montano una tenda o quelle mani che si stringono durante un gioco;  attorno a loro cogli un’atmosfera magica: eccoli, stanno sperimentando le proprie capacità, la propria creatività, i propri limiti. Ed ancora li vedi cantare tutti assieme…sono migliaia, e se tu da casa ti emozioni sentendoli cantare,  quali saranno i loro sentimenti, nell’aver fatto una voce unica dei lori canti?Ora capisci di aver fatto la scelta giusta incoraggiandoli a partire, e ti sorprendi dei loro capi che avrebbero potuto trascorrere le loro vacanze al mare, ed invece sono stati lì a far vivere loro quest’avventura, questo sogno, con l’unico scopo di educarli!”

Manuela, mamma di un’esploratrice