Gruppo

In questo ultimo periodo, più di prima e con una ferocia smisurata, ci si sta accanendo sull’equipaggio della Sea Watch 3 a largo di Lampedusa da più di 15 giorni con 42 migranti a bordo.

Ovviamente attaccare la Sea Watch, il suo equipaggio e il suo comandante Carola Rackete è un modo per attaccare un modo diverso di vedere la realtà, è attaccare il concetto di solidarietà, per promuovere quello della paura.

Non vogliamo entrare nel merito delle scelte politiche che hanno portato all’emanazione di due decreti sicurezza molto discutibili.

Vogliamo però riflettere su cosa hanno prodotto questi decreti e la “cultura” alla loro base: paura degli altri, degli ultimi, dei poveri, di chi è diverso. E come va combattuta questa paura? Con l’odio razziale, di genere, religioso. Con l’allontanamento dell’altro, con la chiusura nelle nostre comunità “sicure”. Con l’indifferenza.

Per fortuna la nostra cultura e i nostri valori sono l’esatto opposto di quanto ci si vuole inculcare.

Noi non abbiamo paura, perché l’esploratore è leale, forte e coraggioso.

Noi non odiamo, perché l’esploratore è buono e generoso, cortese e tollerante.

Noi non allontaniamo gli altri, perché l’esploratore è amico di tutti e di ogni altro esploratore.

Noi non siamo indifferenti, perché abbiamo promesso sul nostro onore di fare del nostro meglio per compiere il nostro dovere verso dio, la patria e la famiglia; di agire sempre con disinteresse e lealtà; di osservare la Legge Scout.

Noi crediamo nei valori della Legge Scout, della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, nei valori della Costituzione della Repubblica Italiana.

Noi non condividiamo questa cultura dell’odio e della paura e ci opponiamo con fermezza a chi la promuove e alle sue leggi.

Perché ci sono anche leggi ingiuste. Leggi che puniscono coloro che salvano la vita ad altre persone in difficoltà sono leggi ingiuste. E in quanto tali vanno disobbedite.

Perché l’esploratore è coscientemente disciplinato.

Campo invernale di gruppo 2018

pubblicato il

Dal 7 al 9 dicembre i nostri lupi, esploratori e rover sono stati protagonisti di uno straordinario campo invernale di gruppo! Si “parte” per il campo.. meta il convento dei Cappuccini di Cava de’ Tirreni; scelta voluta per far vivere ai ragazzi il territorio ed osservarlo da un’altra prospettiva! I  nostri ragazzi, a pochi chilometri da casa, non immaginavano certo di poter partecipare alla notte degli oscar, incontrare star di Hollywood e conoscere strani personaggi del cinema di ieri e di oggi. Hanno potuto persino incontrare Baden Powell, fondatore degli scout, che li ha stupiti con la sua storia di viaggi, coraggio e intraprendenza…Ed è solo l’inizio di un anno speciale: il decennale del gruppo! Ancora tanto ci aspetta…alla prossima avventura!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Un albero per ogni nato

pubblicato il

“…La vostra traccia è segnata da azioni, dalle frasi che dite e dalle parole che scrivete. Le azioni sono pietre miliari stabilite in modo permanente; le frasi sono soltanto orme che il tempo può alterare o cancellare; le parole scritte sono tacche coscientemente lasciate sugli alberi.”

Con queste parole il Gruppo Scout CNGEI ha concluso la giornata “Un albero per ogni nato”, un’iniziativa tenutasi al Parco Diecimare insieme ad una rappresentanza del CAI e della Rete Cittadini Volontari – Progetto DieciMetri.

Sono stati piantati, simbolicamente, 50 alberelli per rappresentare i nati nell’anno trascorso.

Giornata ricca di scoperte, momenti di collaborazione e condivisione. Alla prossima avventura!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

22 ottobre 2018: Apertura anno associativo!

pubblicato il

Domenica 22 ottobre c’è stata l’apertura dell’anno associativo 2018/2019, anno ricco di avvenimenti dal momento che il gruppo festeggerà il decennale della nascita!

Fra momenti di unità, passaggi e la scoperta dei diversi staff è trascorsa una piacevole domenica in attesa delle prime riunioni di unità! Ci sarà avventura!

Prevenzione incendi

pubblicato il

Nonostante il periodo di campi estivi associativi il gruppo scout CNGEI ci è voluto essere per la pulizia e stagliatura di alcuni sentieri dei nostri monti finalizzati alla prevenzione degli incendi che l’anno scorso hanno decimato il nostro patrimonio naturalistico. Noi ci siamo e ci saremo sempre per “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato”!!!

Campo primaverile 2018

pubblicato il

Bisogna ritrovare Re Artù che è stato rapito! Questo lo scopo del campo primaverile vissuto insieme dal branco Waingunga e il Reparto Vien’t i terr dal 28 al 30 aprile 2018. Fra il centro storico di Eboli e il percorso naturalistico “dei mulini” i nostri ragazzi hanno superato tutte le prove per arrivare dove era stato nascosto il re ideatore della Tavola rotonda!
Non sono mancati momenti solenni come consegna di capacità e tracce, la recita di ben due promesse ma anche costruzioni, percorso Hebert e manualità ! Un campo ricco di avvenimenti!
Alla prossima avventura!

Serata karaoke!

pubblicato il

Sabato 24 c’è stata la prima edizione del Karaoke a cura del nostro Gruppo, ospitati nella sede del centro di aggregazione anziani, subito pronto a supportarci per realizzare la nostra festa! Una serata con tutti i fratellini, lupetti, esploratori, rover, insieme ai genitori per trascorrere una piacevole serata all’insegna dell’allegria e dello stare insieme. Fra un canto e l’altro sono stati proiettati diversi video realizzati dalle branche per presentare le attività svolte fino ad oggi dall’apertura dell’anno scout! E’ stata anche un’occasione per aggiornare i genitori su tutte le attività che bollono in pentola al motto di ” il meglio deve ancora venire!”. Al termine della serata oltre alle risate, alle riflessioni e alle “stonature” ognuno ha portato a casa un bulbo da piantare, simbolo di impegno e di cura verso quello che ci sta intorno! Alla prossima avventra e grazie a tutti per esserci stati!

Thinking Day 2018

pubblicato il

Oggi, domenica 18 febbraio 2018, i gruppi CNGEI di Cava de’ Tirreni e di Giffoni Valle Piana hanno festeggiato il Thinking Day, ovvero la Giornata del Pensiero. Il World Thinking Day è celebrato ogni anno il 22 febbraio da tutte le Guide del mondo. È una giornata promossa dal WAGGGS (World Association of Girl Guides and Girl Scouts) per riflettere sul senso del Guidismo e per rivolgere un pensiero alle altre Guide di tutto il mondo.

Proseguendo il percorso triennale – connessione, crescita e impatto – il tema e le attività proposte da WAGGGS per il 2018 sono pensate per riflettere sull’impatto che le nostre azioni e il nostro essere guide e scout hanno sul mondo. La giornata, attraverso giochi e momenti di riflessione, ha voluto evidenziare varie tipologie di impatti: l’impatto su noi stessi e sugli altri, quello sui nostri valori, sull’ambiente che ci circonda.

La giornata si è conclusa con la consueta raccolta del “penny”, un’usanza che dal 1932 vede gli Scout e le Guide di tutto il mondo contribuire ad una raccolta fondi internazionale per promuovere i valori e la diffusione del guidismo.

“Ripiantiamo Natale”

pubblicato il

Il nostro Gruppo, insieme ad altre associazioni del territorio, ha partecipato all’iniziativa “Ripiantiamo Natale” svoltasi allo  “Sguinzagliatoio” in Via Gramsci. L’area è stata ripulita e poi sono stati piantati alberi che ci sono stati donati.. il nostro gruppo ha preso in custodia un piccolo abete che sicuramente crescerà fiero di aver ricevuto tante cure stamattina e per il suo futuro. Alla prossima avventura!

Campo di gruppo 2017

pubblicato il

Venerdì 8 dicembre si parte per il Campo di Gruppo: destinazione Episcopio di Sarno, un luogo vicino e piuttosto noto ma dalle nuove ed inattese proposte di esperienze per i nostri ragazzi. Sulla falsariga della storia di Mah, protagonista di “Emoji-Accendi le emozioni” i nostri rover, esplo e lupi hanno trascorso tre intense giornate a Messaggiopoli, dove giochi, attività manuali, tornei e canti hanno segnato il percorso  che li ha guidati all’obiettivo del campo: guardarsi intorno e rendersi utili al di fuori del proprio contesto abituale. Partendo dalla  scoperta della realtà che li circondava, passando dalla conoscenza di essa fino alla consapevolezza della necessità di agire, hanno potuto concretizzare il proprio impegno nella città che li ha ospitati .Esploratori e lupetti, con i loro canti, hanno fatto trascorrere qualche ora di gioia e spensieratezza agli anziani della casa di riposo delle suore di Santa Marta,mentre i rover hanno trascorso una giornata presso la comunità “La luna storta”, toccando con mano realtà all’apparenza lontane da noi. Campo ben fatto! alla prossima avventura!