Solidarietà ai migranti e all’equipaggio della Sea Watch

pubblicato il

Condividi

In questo ultimo periodo, più di prima e con una ferocia smisurata, ci si sta accanendo sull’equipaggio della Sea Watch 3 a largo di Lampedusa da più di 15 giorni con 42 migranti a bordo.

Ovviamente attaccare la Sea Watch, il suo equipaggio e il suo comandante Carola Rackete è un modo per attaccare un modo diverso di vedere la realtà, è attaccare il concetto di solidarietà, per promuovere quello della paura.

Non vogliamo entrare nel merito delle scelte politiche che hanno portato all’emanazione di due decreti sicurezza molto discutibili.

Vogliamo però riflettere su cosa hanno prodotto questi decreti e la “cultura” alla loro base: paura degli altri, degli ultimi, dei poveri, di chi è diverso. E come va combattuta questa paura? Con l’odio razziale, di genere, religioso. Con l’allontanamento dell’altro, con la chiusura nelle nostre comunità “sicure”. Con l’indifferenza.

Per fortuna la nostra cultura e i nostri valori sono l’esatto opposto di quanto ci si vuole inculcare.

Noi non abbiamo paura, perché l’esploratore è leale, forte e coraggioso.

Noi non odiamo, perché l’esploratore è buono e generoso, cortese e tollerante.

Noi non allontaniamo gli altri, perché l’esploratore è amico di tutti e di ogni altro esploratore.

Noi non siamo indifferenti, perché abbiamo promesso sul nostro onore di fare del nostro meglio per compiere il nostro dovere verso dio, la patria e la famiglia; di agire sempre con disinteresse e lealtà; di osservare la Legge Scout.

Noi crediamo nei valori della Legge Scout, della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, nei valori della Costituzione della Repubblica Italiana.

Noi non condividiamo questa cultura dell’odio e della paura e ci opponiamo con fermezza a chi la promuove e alle sue leggi.

Perché ci sono anche leggi ingiuste. Leggi che puniscono coloro che salvano la vita ad altre persone in difficoltà sono leggi ingiuste. E in quanto tali vanno disobbedite.

Perché l’esploratore è coscientemente disciplinato.


Written by: Daniele Senatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *